Il primo lavoro? E’ l’orgoglio di mamma e papà

Ciò che rende più orgogliosi i nostri genitori è la firma del nostro primo contratto di lavoro. Lo rivela una ricerca di LinkedIn, condotta su un campione di oltre sedicimila genitori over 55 in più Paesi, che attesta che, per quasi la metà di quelli italiani, è questo il momento più bello e gratificante, ancor prima della laurea o dei primi passi. ”È la soddisfazione – spiega Marcello Albergoni, a capo di LinkedIn Italia – per aver fatto un buon lavoro con i figli. È la conferma al loro ‘sono sicuro che sei bravo’ e la possibilità di mandar via le preoccupazioni”.

I nostri ”vecchi” capovolgono la classifica rispetto alle tendenze globali. Secondo la ricerca,  presentata in occasione della quarta edizione della giornata ”Bring In Your Parents Day”,  ideata dal network per avvicinare i genitori alla vita lavorativa dei figli, al primo posto nel resto del Paesi ci sarebbe proprio la laurea, indicata dal 44 per cento degli intervistati, seguita quindi dal primo lavoro (42%o) e dai primi passi (37%), con qualche scelta più particolare in alcuni Stati come l’Inghilterra, dove al primo posto c’è la patente di guida, seguita dalla nascita del primo nipote.

I genitori dello Stivale sono al primo posto per presenza nella vita lavorativa dei figli, dichiarando, nel 56 per cento dei casi, di conoscerne bene il lavoro, a differenza, invece di quelli di Singapore (solo il 38%), Hong Kong (40%) e India (46%). I nostri sembrano capirne l’ambiente, sono al corrente dei rapporti interni e ne sanno spiegare la routine quotidiana, tanto da ritenere di poter lavorare al posto dei figli per un giorno e di potersela cavare senza grossi problemi. Ma, al momento di rispondere a domande sulle competenze specifiche richieste, quasi il 40 per cento degli intervistati ha confessato di non essere in grado di spiegare cosa fossero.

”C’è più confidenza da parte dei genitori italiani – spiega ancora Albergoni – che quindi conoscono meglio la vita dei propri figli in generale. Ma, quando si scende nel dettaglio, vengono fuori dei ‘buchi’,  probabilmente dovuti al fatto che si tratta di nuove professioni e ambiti particolari, propri di questi tempi”.

In effetti, l’anno scorso, lo stesso network aveva appurato in un’analoga ricerca che la metà dei genitori non aveva la minima idea di cosa i figli facessero realmente a lavoro. E, a un anno di distanza, padri e madri in tutto il mondo continuano a non realizzare effettivamente il senso e lo svolgimento di determinate professioni, nella maggior parte dei casi legate al mondo digitale.

Dai risultati dell’indagine, al primo posto nella classifica mondiale delle professioni incomprese quest’anno c’è il progettista UI o UI Designer, la figura che si occupa di definire il “look” delle interfacce utente (UI è l’acronimo di user interface), seguito dall’attuario, dal complesso compito di determinare l’andamento futuro della realtà in base a variabili demografiche ed economico-finanziarie, e dal data scientist, professionista che analizza e interpreta dati, di solito per conto di un’azienda.

In Italia, invece, lo specialista meno compreso è l’attuario, seguito dal producer radiofonico e dal progettista Ui. A scendere, in classifica, anche figure più note come il veterinario, l’ingegnere o il boscaiolo, ancora incomprensibili vista la dicitura generica. ”Magari- conclude Albergoni – il boscaiolo è una persona laureata in agraria ed è a capo di un’organizzazione che protegge beni naturali. Ma, nella testa dei genitori, è probabile che un boscaiolo si limiti soltanto a tagliare la legna”.

fonte: http://bit.ly/2fUg4EF

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...