Il ministero della Difesa sceglie Windows 10

Il Ministero della Difesa italiano ha scelto il nuovo sistema operativo dei propri pc: sarà Windows 10 di Microsoft e avrà la responsabilità di aggiornare i computer del ministero cercando di mantenere e garantire produttività e (soprattutto, visto il settore) la massima sicurezza possibile.

La scelta, come spiega il dicastero guidato da Roberta Pinotti è caduta sul prodotto della multinazionale di Redmond proprio per le garanzie di sicurezza e sugli aggiornamenti costanti del prodotto. Oggi gran parte dei sistemi operativi installati nel mondo sono marchiati Windows 7 (quasi la metà), con un 16% di fetta di mercato equamente distribuito tra Windows Xp e Windows 8.1. Il 2,8% è invece territorio riservato al sistema Mac mentre la nuova versione di Microsoft è stata scelta dal 22% degli utenti e aziende. Va ricordato anche il caso che ha visto contrapposti Google e Microsoft sull’attacco hacker russo agli Usa. La casa di Mountain View ha per prima segnalato una falla nel sistema, scatenando la reazione piccata di Microsoft che però conferma e ribadisce la “assoluta sicurezza” dell’Os e dei suoi aggiornamenti. Pericolo rientrato quindi.

Il Dipartimento della Difesa Americano proprio quest’anno ha annunciato un progetto di migrazione di 4 milioni di postazioni su Windows 10 “con l’obiettivo di efficientare i sistemi IT e ridurre i costi” ma soprattutto di potenziare la sicurezza informatica. Il nostro Paese ha subito un incremento del 30% dei crimini informatici e del 135% del ransomware.

“In uno scenario di Spending Review in cui recuperare efficienza è sempre più un imperativo per gli enti pubblici – spiega la Difesa – il ministero intende ottimizzare i processi grazie all’adozione del nuovo sistema operativo di Microsoft, che consentirà al personale preposto all’amministrazione civile e militare della difesa e delle forze armate italiane di beneficiare di un’esperienza più intuitiva e di interagire in modo più efficace su qualsiasi device. Un rinnovamento strategico anche nel segno della cybersecurity, in un Paese in cui si assiste alla crescente proliferazione di minacce informatiche che vedono l’Italia contraddistinguersi per percentuali di infezioni IT superiori alla media mondiale, secondo le rilevazioni del Microsoft Security Intelligence Report 2015. Windows 10 offre infatti al Ministero importanti garanzie in termini di protezione delle identità digitali, dei sistemi e dei dati”.

“All’interno del ministero della Difesa abbiamo storicamente puntato sull’innovazione tecnologica, sulla sicurezza delle infrastrutture informatiche e sulla formazione del personale, in linea con la nostra necessità di avere un altissimo livello di protezione, non solo dei nostri sistemi ma anche delle informazioni che gestiamo. Abbiamo scelto di adottare Windows 10 come elemento strategico per la nostra organizzazione, perché è il sistema operativo che ci permette di ottenere non solo un alto standard di protezione ma, anche un’esperienza d’uso semplice e personalizzata” ha commentato il Capitano di Vascello Maurizio La Puca del Comando Interforze Operazioni Cibernetiche presso lo Stato Maggiore del Ministero della Difesa.

fonte: http://bit.ly/2ezxqRa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...