Flowstate, l’ app che combatte il blocco dello scrittore

BLOCCO dello scrittore? Niente paura. Per ottimizzare la concentrazione e favorire il flusso creativo ora c’è una app. La nuova arrivata è Flowstate, e promette, nelle intenzioni di chi l’ha ideata, di predisporre le condizioni ideali per stimolare la creatività di fronte alla sindrome da foglio bianco. Attenzione però, le pause di riflessione sono malviste: se si smette di scrivere per cinque secondi, ciò che si è buttato giù più o meno faticosamente comincia a cancellarsi dallo schermo. L’idea di fondo della “pericolosissima” app – così viene descritta – è che spesso il miglior antidoto contro il blocco della scrittura è buttarsi, senza troppi freni. E, soprattutto, senza fermarsi. Chi lo fa è perduto, o meglio, rischia di perdere tutto il testo perché il timer di Flowstate non perdona: se per cinque secondi non si digita sulla tastiera, le parole sullo schermo si fanno sempre più labili e dopo sette secondi, se non si batte su nessun tasto, il testo scompare, la pagina ridiventa bianca e il timer si risetta.

La nemesi di ogni procrastinatore seriale, disponibile sull’App store per OS X e iOS, si avvale di un design minimalista e permette di scegliere il font che si preferisce per affidare alla penna i propri pensieri. I suoi due creatori, il filmmaker Caleb Slain e lo sviluppatore di software Blaine Cronn, hanno scommesso proprio sull’idea di uno strumento per facilitare il flusso creativo e buttare giù a braccio quello che passa per la testa senza troppi freni inibitori, entrando in uno stato d’animo di profonda concentrazione. La paura di perdere il frutto del proprio lavoro, nel momento in cui ci si ferma, è un deterrente potente e spinge lo scrittore a continuare senza sosta, attingendo a risorse di produttività inesplorate.

La concentrazione che permette di entrare nel pieno del flusso creativo è simile a quella sperimentata da atleti e musicisti, che, eliminando distrazioni, fa raggiungere risultati di alto livello. Ci sono voluti tre anni per sviluppareFlowstate e moltissimi test che hanno coinvolto professori, scrittori, sceneggiatori e studenti. Non cambierà la vita a chi è disciplinato per natura e non si lascia intimorire dal foglio bianco. Per gli altri, scommettono i creatori, potrebbe diventare quasi una droga.

fonte: http://www.repubblica.it/tecnologia/mobile/2016/03/07/news/flowstate_app_scrittura-134948350/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...